Dislessia: che cos’è e come diagnosticarla

Che cos’è

La dislessia è uno dei disturbi specifici dell’apprendimento, DSA. Si presenta soprattutto nei priami di anni di scolarizzazione, cioè tra i 6 e i 7 anni ca. Ci si accorge della presenza di un problema quando il bambino ha difficoltà nel leggere e non riesce a leggere come i suoi compagni di classe. Spesso, genitori e insegnanti bollano il bambino come svogliato e poco concettato, ma può invece trattarsi di una problematica più complessa che può essere diagnosticata anche con l’aiuto del pediatra a Roma che nei bilanci di salute interroga anche sullo sviluppo congiuntivo.

I dislessici hanno difficoltà soprattutto nel leggere e scrivere: fanno fatica a ricondurre il grafema al fonema e viceversa. La dislessia non è una malattia perciò non si guarisce, ma un disturbo che necessità di allenamento e nuove strategie più efficacie per svolgere il compito in modo corretto. Spesso il pediatra a Roma indirizza i genitori e il bambino da un altro specialista: il logopedista.

La diagnosi di dislessia

Per diagnosticare correttamente la dislessia è necessario che il bambino hanno intrapreso almeno il primo anno di solarizzazione. Alcuni segni si possono notare prima, ma è necessario che impari a leggere e scrivere per trovare questo disturbo. Ci sono tanti segnali che i genitori possono osservare, secondo il pediatra a Roma e altri specialisti, come un ritardo nell’apprendimento rispetto al resto del gruppo classe. Altri segnali da osservare sono la non comprensione delle parole o fa fatica a leggere. Le singole lettere non sono riconosciute dal bambino. Non riesce a sillabare e a scrivere una parola in modo corretto. Sono infatti molto frequenti errori di ortografia: doppi mancanti, inversione di sillabe, mancanza di lettere e così via.

Se si notano questi segnali, ci si può rivolgere agli insegnanti o anche al solito pediatra di fiducia. Dopo aver svolto alcuni test specifici presenti in studio medico, il medico può indirizzare i genitori presso un logopedista che ha proprio il compito di aiutare i bambini a trovare strategie per risolvere la loro difficoltà di apprendimento specifica e poter fare un percorso scolastico lineare e senza problemi alcuni.