Regolarizzazione catastale del proprio immobile

Dal 2010 per rendere valida a tutti gli effetti una compravendita, o una donazione a favore di terzi o nel caso di ripartizione ereditaria, c’è bisogno che lo stato di fatto di un immobile sia equivalente, quindi conforme ai dati presenti nel catasto.

In seguito a dei lavori interni all’edificio, spesso si verifica l’ipotesi di una variazione dei metri quadrati di alcuni locali, di conseguenza il nuovo assetto interno non corrisponde fedelmente con la planimetria catastale.

E’ sempre consigliabile già in fase di sottoscrizione del preliminare di vendita, ovvero del compromesso o promessa di vendita, che sussista tale conformità che attesta che non si è commesso alcun abuso, pena la nullità dell’atto stesso.

Nel caso di lavori successivi alla registrazione catastale il proprietario può provvedere a far notificare la variazione catastale presso l’ufficio preposto, procedimento ammesso solo se esiste una certificazione urbanistica valida, dove sono state presentate le domande di SCIA, CILA o DIA a seconda della tipologia dei lavori.

Non avendo il documento catastale alcuna funzione probatoria, nel senso che non legittima alcuna modifica edilizia, va da se che gli atti validi sono solo quelli certificati dal comune competente, per questa ragione si consiglia sia da parte del venditore, ma soprattutto da parte del compratore di accertarsi che sussista prima il certificato di regolarità urbanistica e poi quello catastale.

L’unica eccezione ammessa alla variazione è quella riguardante lavori di lieve entità che però pur variando la superficie dei diversi locali, non vadano a variarne il numero come nel caso di abbattimento di un muro per creare un vano più ampio o nella creazione arbitraria di un divisorio per realizzare due camere.

In questa ipotesi basta far richiesta ad un tecnico qualificato di redigere una dichiarazione di conformità catastale, tenendo presente che non ci sarà alcuna modifica in termini di imposte, perché la rendita catastale non cambia.

Per districarsi nel mondo delle pratiche edilizie, consigliamo la società iRebuilding, che da anni si occupa di interventi su preesistenze, ristrutturazione e valorizzazione di immobili. La società abruzzese sarà in grado di dare tutto il supporto tecnico necessario per qualsiasi intervento su un immobile. Ringraziamo iRebuilding per la collaborazione nell’esposizione dell’argomento.