Marocco: Tetuan

La città di Tetuan conosciuta anche come la Città Bianca, si trova nella parte settentrionale del Marocco a circa 60 chilometri da Tangeri, oltre ad essere una destinazione turistica molto popolare, racchiude al suo interno una delle Medina, ossia la Città Vecchia, meglio conservate di tutto lo stato, tanto da diventare nel 1997, Patrimonio mondiale dell’Unesco.

Risalente al secolo VIII è un’interessante esempio di città storica, è circondata da tre lati da mura, dotate di ben sette porte, al suo interno comprende 36 edifici sacri, tra santuari e moschee, oltre al Mellah, ovvero un quartiere ebraico, chiamato anche Piccola Gerusalemme.

E’ caratterizzata da un intricato numero di strette e tortuose stradine, che costeggiano le case dalle pareti bianche e bluastre, fino ad aprirsi su piccole piazze, dove si svolgono le diverse attività quotidiane di vendita, sulle bancarelle abbondano i prodotti tipici: miele, verdure erbe aromatiche, spezie varie e prodotti dell’artigianato locale.

Il punto d’incontro è la piazza Hassan II, dove si trova il Palazzo Reale, proprio nel cuore della città, le sue costruzioni riflettono molto lo stile andaluso, basta vedere le tante fontane e chioschi, gli edifici con i balconi in ferro battuto ed i numerosi negozi lungo le strade.

Molto interessanti gli istituti culturali, come il Museo Archeologico e quello Etnografico di Tetuan che ospita anche una biblioteca con oltre 60.000 volumi sulla letteratura nordafricana, il Conservatorio, il Collegio delle Belle Arti e la Scuola di Arte marocchina.

Tetuan è una città davvero unica, con le sue numerose strade, ognuna delle quali è dedicata ad una corporazione, ovvero ad un diverso tipo di commercio, c’è quella delle tintorie, quella degli armaioli, dei tessitori, dei gioiellieri, ma anche quella con i laboratori del cuoio o dei produttori di babouches.